Importanza della biodiversità

La biodiversità della vita ha un valore di per se stessa e noi tutti abbiamo una responsabilità morale nei suoi confronti. La biodiversità è bella. Ma, per gli uomini, la biodiversità e i servizi che gli ecosistemi forniscono grazie ad essa hanno anche una grande importanza economica.

  • Incarnazione della bellezza e dell’estetica: la varietà della natura è fonte di gioia, ispirazione e rilassamento. Questa sua capacità si riflette nelle arti e nelle religioni. A dipendere dal valore estetico della biodiversità è però anche il turismo e la qualità di vita.
  • Valore esistenziale intrinseco: la biodiversità ha un valore di per se stessa, indipendentemente dal fatto che l’uomo possa trarne un beneficio. Il solo sapere che c’è è fonte di gioia e di arricchimento. Molte sono ad esempio le persone che guardano con tristezza alla perdita di biodiversità.
  • Consolidamento dei terreni: soprattutto nelle regioni di montagna, gli articolati sistemi radicali di cui dispongono biocenosi ricche di specie quali quelle boschive provvedono a mantenere saldo il terreno anche su pareti scoscese.
  • Eliminazione dei rifiuti: il terreno e i diversi esseri viventi che lo abitano aiutano a decomporre piante e animali morti, ma anche sostanze inquinanti e rifiuti prodotti dall’uomo. Una miriade di microrganismi proseguono poi l’opera di scissione dei legami organici, mettendoli nuovamente a disposizione delle piante.
  • Regolazione del clima: le piante assorbono dall’atmosfera gas serra come il CO2, umidificano l’aria producendo vapore acqueo e mantengono gradevole la temperatura al suolo.
  • Regolazione del bilancio idrico: i boschi alluvionali e le zone palustri contengono la montata delle onde di piena e, insieme ad altri ecosistemi, fungono da serbatoi di stoccaggio delle acque sotterranee.
  • Produzione di sostanze farmaceutiche: un quarto dei medicamenti prescritti, ad esempio, negli Stati Uniti contiene principi attivi estratti da piante. [2]
  • Garanzia di alimenti di qualità: alcune varietà selezionate devono essere costantemente incrociate con altre varietà affini per poter conservare le loro proprietà. In Svizzera, ad esempio, il valore di una popolazione di api quantificato in funzione del lavoro che esse svolgono come impollinatrici si aggira tra i 950 e i 1250 CHF. [3] [4]
  • Controllo di erbacce e parassiti: circa il 99% di tutti i parassiti è mantenuto sotto controllo da antagonisti o predatori naturali come uccelli, ragni, vespe, mosche e anche funghi. [5] Colture miste, combinate con sapienza, contengono inoltre la comparsa e la diffusione di erbe infestanti. [6]
  • Mitigare l’impatto di situazioni estreme: a seguito di fenomeni climatici estremi quali periodi di siccità prolungati, i prati ricchi di specie tornano più rapidamente ai livelli di produzione di biomassa precedenti rispetto, ad esempio, a quelli più poveri di specie.
vai all'inizio pagina

______________________________________________

    [2] Fahrnsworth N.R (1992): Die Suche nach neuen Arnzeistoffen in der Pflanzenwelt
    [3] Fluri P., Frick R. (2005): Imkerei in der Schweiz - Fakten und Bedeutung. Agrarforschung 12(03). 104-109
    [4] Forschungszentrum Agroscope Liebefeld-Posieux ALP: Bienenhaltung in der Schweiz,  Stand Juni 2009
    [5] Forum Biodiversität Schweiz (Hrsg.): Biodiversität in der Schweiz, 2004, ISBN 3-258-06800-3. S. 62
    [6] Mortensen D.A. et al (2000): The role of ecology in the development of weed management system